Giorno 62 – ore 10.56 – ADESSO serve un piano d’azione!

18/06/2014

Questa mattina mi sono svegliato con una certezza: tutte le vittime dello Z-BT si stanno trasformando in zombie, e se già prima la mia situazione era drammatica, adesso lo è ancora di più: vista la presenza di queste innumerevoli minacce le mi chance di sopravvivenza sono ora al minimo. C’è bisogno quindi di un piano d’azione accurato per provare a rimanere vivo il più a lungo possibile.

Ho disegnato questa mappa per farvi capire al meglio dove abito e come intendo rendere la zona più sicura dagli zombie.

 mappa-1

Ho segnato in verde le safe areas: al momento soltanto casa mia e il suo giardino. In rosso invece tutto ciò che è potenzialmente invaso o infestabile da zombie.

Partendo dal presupposto che almeno per ora gli zombie non riescono a uscire di casa autonomamente – baso questa idea ripensando alla signora viola – è importante che la mia via non sia invasa  da altri zombie. Ho segnato sulla mappa i tre possibili accessi, due carrabili e uno pedonale. Il primo tassello per la messa in sicurezza della mia via sarà quindi bloccarli; per praticità ho pensato di farlo inizialmente con tre automobili, più avanti escogiterò un metodo più sicuro. Io ho le chiavi delle mie due vetture e del furgoncino del lavoro (facevo il corriere per una nota ditta di spedizioni.. ora che ci penso potrei andare a controllare se c’è qualcosa di interessante tra i pacchi in consegna), quindi fare lo spostamento non sarà particolarmente difficile. Questa situazione sarà però soltanto temporanea, in quanto prima di tutto una mia macchina è piccola e temo che gli zombie possano passarci sopra, e secondariamente vorrei utilizzare il furgoncino per spostarmi e fare “razzie” per il paese.

Ora esco a posizionare temporaneamente le tre macchine che ho a disposizione; so già che il mio vicino ha un SUV, quindi prima o poi potrò impossessarmene e utilizzarlo come muraglia, ma per adesso non ho la forza di entrare in casa sua, dover uccidere lui e la moglie e cercare le chiavi. Sono conscio del fatto che sopprimere gli zombie dovrà diventare un’abitudine per me (volente o nolente), ma sono ancora un po’ scosso dagli ultimi avvenimenti per avventurarmi in nuove imprese. Ho bisogno di qualche giorno di quasi normalità, anche se parlare di normalità è un eufemismo. Considerando inoltre che le mie provviste sono ancora abbondanti (ho iniziato a sfruttare il metodo Kanban solo una settimana fa), per un po’ non avrò bisogno del furgoncino, che quindi potrà starsene tranquillo a proteggermi.

Annunci

Dimmi cosa ne pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...